Le memorie di Casanova. 200 anni di intrighi, censure, misteri

Autore

Gianluca Simeoni-Antonio Trampus-Simone Volpato


Editore

Ronzani editore


Anno

2022


Prezzo

€ 19,00


Descrizione

Come mai a 200 anni dalla loro prima pubblicazione, in lingua tedesca, nel 1822, le Memorie di Casanova continuano ad affascinare? Che cosa ha spinto letterati, artisti, storici e scienziati, lungo il corso dei suoi due secoli, a interessarsi di quest’opera? Come è nato e come è stato costruito il mito di Giacomo Casanova avventuriero, seduttore e uomo di lettere? Cercano risposte i nove contributi di autori italiani e stranieri raccolti in questo volume, raccontando l’affascinante storia dell’autobiografia di Casanova e del suo mondo attraverso le strategie di scrittura e di composizione del testo, gli episodi più affascinanti e curiosi da raccontare, il viaggio delle Memorie nel tempo e nello spazio, grazie ai traduttori e agli editori, ai critici e agli accusatori. Si passa così dagli episodi della vita privata, messi sulla scena pubblica come le disavventure dei protettori di Casanova, ai personaggi che popolano il testo, come il turco e il diavolo, dall’intreccio tra androginia travestimenti e altre trasgressioni della sessualità, ai conflitti culturali e di coscienza nelle traduzioni e riedizioni dell’opera lungo l’Otto e il Novecento, attraverso Ugo Foscolo, il mondo britannico e il senso comune del pudore agli albori dell’epoca fascista. Il mondo dell’arte e quello della storia si appropriano così definitivamente dell’opera, consentendoci di rispondere alla sempre avvincente domanda: le Memorie di Casanova sono vere o false?

Contributi di: Branko Aleksić, Sara Bordignon, Giulia Delogu, Dino Detailleur, Stefano Feroci, Sabine Herrmann, Beryl Markowitz, Tommaso Scaramella, Gianluca Simeoni, Antonio Trampus

Altri libri

Volpato Simone

Trieste è un arcipelago. Libri unici e scontrose carte

Volume edito per i dieci anni della Libreria con l'editore Ronzani. Prefazione di Diego Marani, scritti di Lucio Gambetti, Giordano Castellani e Valerio Fiandra. Fotografie di Massimo Battista.

SCOPRI DI PIÙ

Simone Volpato

Incunaboli di Pasolini. Le edizioni friulane 1942-1953 nella biblioteca di Bruno Lucci

Stampare in bodoniano, il carattere dei Principi e dell’aristocrazia, la poesia più umile, più appartata e per di più in lingua friulana: ecco il miracolo degli incunaboli poetici di Pasolini. Del resto ci può essere buona poesia senza buona stampa?

SCOPRI DI PIÙ